(un click sull'immagine per ingrandire - due click per tornare alla dimensione originale)

Da Monte Cengledino (seconda linea), il panorama in veste invernale verso il fronte del Cadria, nel tratto Doss della Torta - Nozzolo - Forte Carriola
Si possono solo intuire le difficoltà di chi cent'anni fa ha dovuto vivere d'inverno in alta quota. Due i parametri che si sono modificati negli anni: i materiali (all'epoca non esistevano il Goretex, il Vibram e gli innumerevoli materiali sintetici di oggi) e il clima. Il 21 aprile del 1916 al Bedole si misurarono tre metri di neve. Oggi, nello stesso periodo dell'anno, è tanto se si riesce a praticare lo scialpinismo mille metri più in alto. Gli inverni 1915-1916 e 1916-1917 furono i più freddi e nevosi del '900: si misurarono fino a dodici metri di neve caduta alle quote del Pian di Neve. Oggi è molto se ne cadono tra i sei e gli otto metri.

"il fronte dell'Adamello"    HOME